Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Preventivo e quarantesimo, il Consiglio approva

Trasformare quello che accade in un’opportunità, con questa riflessione di Alex Zanardi si è aperta la seduta del consiglio di Comitato del CSI Vallecamonica. «Io non avevo certo progettando di trovarmi in un letto di ospedale a Berlino, eppure l’educazione, gli stimoli che mi sono arrivati dal mondo che mi circondava… quando ti capita di arrivare a casa da perdente devi cercare di trovare una nuova opportunità, per capire che ce la puoi fare. Avevo due possibilità: rinunciare o cercare di appassionarmi a un nuovo progetto. Ho scelto la seconda, perché nello sport avevo capito che la cosa più bella è lavorare al progetto più che raggiungerlo. Oggi sono una persona molto felice, talmente felice da dire che l’incidente è stata la cosa più bella che mi potesse capitare». Mantenere alta la curiosità, andare a scoprire sempre nuovi territori, nuove opportunità, questo è il compito di un’associazione dedicata alla promozione dello sport. Nonostante le difficoltà che si incontrano lungo il cammino. E la riunione del consiglio è stata improntata, in larga parte, su questo tema. Piatto forte della serata l’approvazione del bilancio di previsione 2019; lo strumento amministrativo è stato approvato all’unanimità e non presenta degli scostamenti significativi rispetto al bilancio della stagione che sta per concludersi. Il CSI camuno presenta conti in ordine grazie al lavoro certosino di controllo di Chiara, Antonio e Fabio. Bilancio ancora in attivo grazie ai contributi degli sponsor/amici e degli enti cresciuti in maniera significativa negli ultimi anni, ma anche questo è un segno di quanto sia apprezzata l’attività svolta dal CSI sul territorio. Chiusa la parte economica i consiglieri sono entrati nel vivo della discussione sulla vita associativa. A partire dall’organizzazione degli eventi per il quarantesimo di fondazione del CSI camuno. Saranno due i momenti clou di questi festeggiamenti: domenica 30 dicembre con “Buon anno CSI” e domenica 2 giugno quando si terrà la festa del quarantesimo. L’orientamento del consiglio è quello di chiedere agli oratori di Breno e Piamborno di ospitare i due eventi. Abbozzato a grandi linee anche il programma che sarà definito nei particolari dal gruppo di lavoro appositamente costituito. Sull’attività sportiva il Consiglio ha deciso di dedicare la prossima riunione per il momento sono stati affrontati il problema degli arbitri di pallavolo e il campionato di sci. Sugli arbitri con una delibera è stata sospesa la sanzione per il mancato utilizzo dell’arbitro di società che potrà essere sostituito da un tesserato e deciso di convocare al più presto le società sportive per trovare insieme soluzioni a questo problema. Il campionato di sci, dopo i timori di fine estate, parte con un programma ancora più ricco. Lasciata alle spalle la polemica con il Presidente provinciale della Fisi il CSI Vallecamonica insieme al comitato di Bergamo si farà promotore anche del Campionato regionale, ritornato dopo parecchi anni di assenza, articolato su due prove. In tema di contributi il consiglio ha preso atto dell’assegnazione del contributo nazionale di 995 euro L’assegnazione di questo contributo è stata formulata a seguito della elaborazione dei dati del territorio (consistenza, attività sportive e formative, adempimenti burocratici). “So bene che questo è solo un piccolo segno; tuttavia ritengo che fosse assolutamente importante che questo percorso iniziasse il prima possibile, già da quest’anno e con le poche risorse disponibili.” Così ha scritto il Presidente Nazionale Vittorio Bosio al nostro Comitato. Altre comunicazioni hanno riguardato la Giornata Missionaria animata dal CSI a Brescia, l’assegnazione dei discoboli al merito, l’esito positivo del corso arbitri di calcio, il bando Vodafone che ha consentito tramite il CSI di ottenere un contributo di 600 euro a testa per due atleti della Polisportiva Disabili Valcamonica. La parte finale delle riunione è stata dedicata alla progettazione di nuove iniziative. La prima riguarda la scuola con l’accordo che il CSI Vallecamonica si appresta a sottoscrivere con il Liceo Sportivo di Edolo per una collaborazione che si occuperà dell’alternanza scuola/lavoro. Si tratta di scrivere il progetto con i campi e le attività dove impegnare gli studenti. Altro progetto, ancora in fase di elaborazione, è quello che riguarda l’attività dei più piccoli. La pedagogista Francesca Astolfi, che collabora con il CSI camuno da alcuni anni nei corsi di formazione, ha lanciato l'idea di una progetto di supporto alle società sportive impegnate nell'attività giovanile. In particolare il progetto è dedicato alla categoria Under 8, un team di esperti che metterebbero le loro competenze a disposizione delle società sportive. Su questa idea avevano già manifestato il loro interesse l’Assessore allo sport e il Presidente della Comunità Montana di Vallecamonica. Si tratta ora di scrivere il progetto mettendo tutta la nostra passione perché come dice Zanardi “la cosa più bella è lavorare al progetto più che raggiungerlo”.