Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Incarichi, CSI Day e Valcamonica Cup nel primo consiglio di Comitato

Prosegue anche nella prima riunione del Consiglio di Comitato il clima carico di entusiasmo e voglia di impegnarsi per l’associazione messo in vetrina in occasione dell’assemblea delle società sportive. Il primo incontro con i consiglieri è stata l’occasione per conoscersi; tante le facce nuove, tante come mai in passato le donne consigliere, tante le esperienze accumulate da tutti nei gruppi sportivi come dirigenti, allenatori e atleti. In apertura dell’incontro, dopo l’approvazione di verbali della seduta precedente, è stato letto il Patto associativo del CSI per ribadire quali sono i riferimenti culturali ed educativi dell’associazione. La persona al centro dell’attività del CSI, il gioco, la solidarietà, la condivisione dell’impegno pastorale della Chiesa, i legami con il territorio, l’educazione attraverso lo sport e il ruolo sociale del CSI sono i paletti fissati per delimitare l’azione del CSI. Il Presidente ha poi illustrato i criteri alla base del programma “CSI 20.20” per il prossimo quadriennio. Venti punti programmatici che sono stati trasformati in un questionario consegnato ai consiglieri e ai responsabili di settore per capire quali sono i temi più vicini alla sensibilità di ognuno e quindi realizzare il programma approvato dall’assemblea. Un programma “flessibile” aperto a tutti i contributi, già l’assemblea ha chiesto una maggiore attenzione agli oratori ma altre indicazioni possono essere prodotte per arricchirlo. La parte centrale del consiglio è stata dedicata alle elezioni degli organi direttivi previste dallo statuto; nella carica di Vice presidente è stato confermato Tomaso Bottichio mentre i due consiglieri eletti in presidenza sono Cristina Valgoglio e Dino Ravizza dopo la rinuncia di Giuseppe Moscardi già componente della Presidenza in quanto direttore dell’area tecnica. Si è preso tempo invece il consiglio per nominare alcuni coordinatori d’area; confermati Giuseppe Moscardi (Area sportiva), Antonio Petroboni (Amministrazione) e Giuliano Ganassi (Comunicazione) restano da scegliere il Segretario e il Direttore dell’area formazione, l’impegno è quello di completare le nomine prima della programmazione 2016/2017. Congelate le commissione tecniche, i responsabili di settore, le commissioni arbitri e gli organi territoriali di giustizia sportiva, a metà della stagione sportiva non si può stravolgere la struttura dell’attività sportiva quindi tutto rimandato a giugno quando terminati i campionati si potrà valutare la situazione di ogni singolo settore sportivo. Tra gli argomenti all’ordine del giorno il consiglio ha deliberato l’organizzazione del CSI day che si svolgerà a Piamborno domenica 22 maggio in occasione della festa finale della categoria Under 8. Quella che è la vetrina dell’attività svolta sul territorio dal CSI sarà definita nei particolari nelle prossime settimane. Due interessanti iniziative sono state portate a conoscenza e condivise dai consiglieri. Un gruppo giovani di Sonico e Sellero intende realizzare la Vallecamonica CUP di Calcio Open a 7. L’ipotesi è di realizzare un torneo con 20 squadre divise in 4 gironi che disputeranno una prima fase con incontri di sola andata, con partite infrasettimanali; su 4 campi “neutri” scelti dal CSI.Si giocherebbe circa un incontro al mese da ottobre a marzo, quindi quarti e semifinali con incontro di A/R sui campi delle squadre per concludere a maggio con la finale. Sarebbe a tutti gli effetti un torneo CSI (regolamento, iscrizioni, arbitri, giustizia sportiva, comunicati ecc.) gestito però con il supporto di questi ragazzi: commissari di campo, redazione del calendario, comunicato. È un'idea che viene dal territorio e, soprattutto, dai giovani quindi da seguire con attenzione. Altra richiesta giunta al CSI Vallecamonica è quella di un torneo estivo di calcio alla Memoria di don Aldo Mariotti, che si disputerà nel Campo di S. Maria a Esine. Si è costituito un Comitato organizzativo che ha chiesto anche al CSI di partecipare all’iniziativa, richiesta accolta con l’impegno di proporre alcune attenzioni da porre alle squadre partecipanti. I consiglieri sono stati aggiornati sulla situazione nazionale e regionale in vista dell’elezione dei Presidenti anche di questi organismi del CSI, situazioni complesse e in continuo divenire sulle quali si ritornerà prima degli appuntamenti elettorali del 14 maggio (Regione) e 10/12 giugno (Nazionale). La discussione sulla richiesta di deroga per la partecipazione di un atleta al campionato polisportivo e di un tesseramento hanno completato l’ordine del giorno. A chiudere la prima seduta del consiglio di Comitato la riflessione affidata a don Battista Dassa che ha paragonato i consiglieri ai meccanici della formula uno impegnati in un pit stop che è perfetto se c’è costanza, collaborazione, condivisione, amalgama e progettualità lavorando per un unico scopo. Le parole della lettera, datata 1910, di Rudyard Kipling scritta per insegnare al figlio a distinguere fra il bene e il male hanno rimesso in circolo le emozioni forti vissute a Edolo domenica.