Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Da applausi l'avvio dei circuito di corsa in montagna

Da applausi l'avvio dei circuito di corsa in montagna

Debutto di lusso per l’Angolo Vertical grazie all’ottima organizzazione allestita dall’Angolo Mountain Running che ha raccolto il plauso di atleti e tifosi. La pioggia sul percorso e la nebbia all’arrivo non sono riusciti a guastare l’evento che ha segnato, positivamente, anche l’avvio della Valle dei segni Mountain Cup promossa dalla Comunità Montana di Vallecamonica. Ha passato a pieni voti l’esame anche l’impegnativo e inedito sentiero del Belvidì, tremila seicento metri di ascesa verticale dal centro di Angolo Terme fino ai 1450 metri del Colle Vareno. La pioggia caduta nei giorni precedenti, e a tratti anche durante la corsa, ha reso ancora più impegnativo il sentiero percorso tradizionalmente dalle penne nere del centro termale camuno nella giornata del primo maggio. Non potendo sistemarsi lungo lo stretto sentiero, chiuso per sicurezza, molti spettatori hanno assistito alla gara davanti al maxischermo allestito all’Oratorio di Angolo godendosi le splendide immagini trasmesse dalle cinque telecamere sistemate lungo la salita. Di qualità il campo dei partecipanti, tra i 130 iscritti all’Angolo Vertical alcuni specialisti di livello nazionale ed internazionale di questo tipo di gara e diversi protagonisti bresciani e bergamaschi della corsa in montagna. Il primo ad iscrivere il proprio nome sull’albo d’oro della manifestazione è stato il bellunese Manuel Da Col, vincitore del titolo italiano 2021 della vertical kilometer sotto i 2000 metri di quota e terzo nella prova superiore a questa quota. Il vincitore ha impiegato 39’23” a percorrere i 3600 metri della vertical di Angolo; il tempo stabilito è un dato attendibile per definire la durezza del percorso. Nell’altra scalata del Colle Vareno, che si corre dal 1974 il giorno di ferragosto su un tracciato di sette chilometri sempre con mille metri di dislivello, il record stabilito da Bernard Dematteis è inferiore di un minuto a quello della vertical. Alle spalle del vincitore ottimo secondo posto per Damiano Pedretti (U.S. Malonno) con il crono di 40’15”, completa il podio staccato di soli otto secondi Luca Binelli (Atletica Clarina), altro specialista delle vertical. Ad un soffio dal podio la società organizzatrice che piazza al quarto posto Davide Trentin. In campo femminile successo con ampio margine di vantaggio per Vivien Bonzi (La Recastello Radici Group), recente vincitrice dell’Urban Trail Leuca in Salento. La bergamasca ha staccato il tempo di 47’57”, due minuti migliore del crono realizzato dalla portacolori del G.S. Alpini Sovere Beatrice Meloni che ha preceduto l’ex nazionale azzurra di corsa in montagna Angela Serena (Atletica Montichiari). Sei le categorie maschili e femminili previste dal regolamento della Valle dei Segni Mountain Cup; a livello individuale quindi gli organizzatori hanno premiato Luca Nodari (Sci Club Valgandino), Davide Trentin (A.M.R.), Nahyeli Pizio (G.S.O. Darfo), Luca Malgarida (U.S. Malonno), Stefania Cotti Cottini (G.P. Pellegrinelli), Paolo Montemezzi (U.S. Malonno), Alessandra Valgoi (Atletica Alta Valtellina), Piero Rizzi, Veronica Barbieri (A.M.R.), Giuliano Santoni e Giovanna Cavalli (Atletica Paratico). Stanchi ma soddisfatti a fine manifestazioni gli animatori dell’A.M.R. Angolo con in testa il Presidente Giacomo Laini che ha ringraziato i numerosi volontari impegnati, il Soccorso Alpino, l’Amministrazione Comunale e tutte le associazioni di volontariato del paese che, a vario titolo, hanno collaborato nella realizzazione dell’evento. La seconda tappa della Valle dei Segni Mountain Cup è una delle storiche scalate camune rinata grazie agli animatori del G.S.O. Darfo. La Darfo Cervera Mountain Run è in programma nel pomeriggio di sabato 28 maggio; poco più di sette chilometri con un dislivello di 1080 metri e un record da battere di 41’12”. Le iscrizioni alla Darfo Cervera sono già aperte e si possono effettuare da Faletti sport a Darfo, Centro Medico San Giorgio a Edolo oppure telefonando al 345-0097377.

Tags: