Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Quarant'anni di CSI in Vallecamonica

Il Comitato CSI della Vallecamonica festeggia ii quarant’anni dall’autonomia dal CSI di Brescia; un lungo cammino che ha visto crescere il comitato camuno fino a superare i 6500 tesserati con ottanta società sportive affiliate, praticamente un gruppo sportivo presente in ogni comune della valle. Quarant’anni al servizio della promozione di uno sport educativo sono un traguardo importante e meritano una festa. Domenica 9 giugno quindi il CSI camuno ha invitato a Cividate Camuno gli amici che l’hanno accompagnato in questo lungo cammino per festeggiare la ricorrenza. É un momento di riflessione, premiazioni e festa che, nelle intenzioni del Consiglio di Comitato, vuole ringraziare l’impegno di centinaia di volontari al servizio dell’Associazione per la promozione dell’attività sportiva sul territorio. La prima parte della festa è dedicata alle società sportive chiamate, nell’assemblea straordinaria ad approvare il nuovo Statuto dell’Associazione; nel teatro parrocchiale di Cividate Camuno alle ore 16 è convocata l’assemblea dei gruppi sportivi. Al termine dei lavori, previsto per le ore 17.30, il Vescovo di Brescia Monsignor Piarantonio Tremolada incontrerà gli educatori sportivi del CSI Vallecamonica quindi alle 18 la celebrazione della S. Messa nella chiesa parrocchiale. Sempre nel teatro parrocchiale la parte finale della festa del quarantennale prevede la consegna di numerosi riconoscimenti. Saranno premiati i quattro ex Presidenti del CSI camuno, la squadre vincitrici del Premio Fair Play, gli atleti polisportivi dell’anno e le amministrazioni comunali che collaborano con l’Associazione. Sarà anche consegnato a Paolo Merla il “Discobolo al merito C.S.I. “, uno dei più alti attestati di stima previsti dall’Associazione. La festa del quarantesimo sarà preceduta, sabato 8 giugno, dal “Pellegrinaggio degli sportivi”, un cammino nel segno della pace e della riflessione. La terza edizione del pellegrinaggio è la prosecuzione del cammino intrapreso dal CSI che ha portato i pellegrini da Pisogne alla sede del CSI a Plemo e, lo scorso anno, dalla frazione di Esine all’Oratorio di Capo di Ponte. Sabato alle 8.30 i camminatori di ritroveranno all’Oratorio di Capo di Ponte per il pellegrinaggio che toccherà gli Oratori di Sellero, Demo e Malonno. Conclusione del cammino al Santuario della Pradella di Sonico dove alle 16.45 don Battista Dassa, animatore dei pellegrinaggi in Vallecamonica con il gruppo “Camminare è un’arte” e assistente ecclesiastico del CSI camuno, celebrerà la s. Messa. Durante il percorso saranno ricordati i 75 anni di fondazione del CSI nazionale e i 40 anni di vita del Comitato CSI di Vallecamonica. Le offerte raccolte durante il pellegrinaggio saranno devolute al progetto “Sportivi senza confini” realizzato dal CSI Vallecamonica nella Repubblica Democratica del Congo.